PUER, un partner importante per il Progetto Shadow Children

PUER

Nel 2013 l’Associazione di Volontariato Puer Onlus ha  festeggiato  i 20 anni dalla nascita; per tutti i volontari e le famiglie rappresenta un traguardo importante, perché in questi venti anni molto è stato dato ai tanti bambini accolti e aiutati, sia dell’Est Europa (Bielorussia, Lituania e Moldavia) che del Giappone.

L’Associazione di Volontariato PUER Onlus Ente Morale aiuta e sostiene l’infanzia in difficoltà per qualsiasi causa, in ogni parte del mondo, nello spirito di solidarietà e carità.

Nasce ufficialmente il 10 dicembre 1993, con Atto Costitutivo e Statuto, ma l’inizio della sua attività risale a un anno prima.

Nel 1994 è ufficialmente iscritta nel registro Regionale delle organizzazioni di volontariato con Decreto n. 872 del 9.05.1994.

Il 14.05.1997 il Ministero degli Interni e il Presidente della Repubblica Italiana conferiscono all’Associazione il riconoscimento di Ente Morale della Repubblica Italiana.

Il tragico evento del 26 aprile 1986, lo scoppio del reattore numero quattro della centrale nucleare di Chernobyl, colpì centinaia di migliaia di persone nell’Europa orientale, e purtroppo ancora oggi continua a produrre i suoi effetti nefandi.

La nazione più colpita fu la Bielorussia, perchè il vento, che quel giorno soffiava verso nord, spostò la nube da Chernobyl, in Ucraina, verso le regioni bielorusse, soprattutto Gomel, Mogilev e Brest. Nel 1992, per un caso fortuito, nasce l’idea che porterà alla nascita della PUER. Per motivi diversi, due persone conobbero un gruppetto di bambini bielorussi ospiti a Roma del villaggio SOS, a cui si preoccuparono di fornire attrezzature e animazione, attraverso il circolo locale del Rotary Club e i giovani di una parrocchia romana. Nacque poi la voglia di rivedere quei bambini, si organizzò un piccolo viaggio estivo che mise in discussione la coscienza dei soci fondatori.

L’accoglienza in zone non contaminate, unitamente ad una nutrizione sana e a una diagnosi di eventuali patologie fu posta alla base dell’aiuto.

…………………………

Da quando i bambini bielorussi vengono accolti ed aiutati, il loro stato sanitario è migliorato sostanzialmente e l’accoglienza in famiglia ha influito in maniera determinante sul loro stato psicologico.

Dai 118 bambini accolti a Roma all’inizio degli anni ’90, si è passati a un picco di 7000 accoglienze operate nell’anno 2000 per poi riscendere alle attuali 2500 in tutta Italia mediante il contributo delle famiglie che prestano la loro opera nell’Associazione di Volontariato Puer Onlus.

Nel 2012 la PUER ha contribuito in modo significativo con i Governi Bielorusso ed Italiano nella stesura di un Protocollo di Sicurezza dedicato ai minori in modo da tutelare la loro presenza nei periodi di trasferimento sul territorio Italiano, offrendo per tutte le Associazioni un modello organizzativo di supporto concordato con le Istituzioni.

Abbiamo dato disponibilità ad accogliere, in via temporanea e strettamente per il periodo richiesto, il popolo di Haiti e in particolare i bambini rimasti orfani, quelli malati e da ospedalizzare, le coppie con figli con gravi situazioni, le ragazze madri. In tutta Italia abbiamo ricevuto più di 800 richieste di famiglie a cui vanno aggiunti Comuni, Pro Loco, Istituti Religiosi disponibili ad accogliere questa popolazione colpita da un così grave terremoto.

L’Associazione Puer ha inoltrato al Ministero degli Affari Esteri la documentazione necessaria per ottenere il riconoscimento come ONG.

La Puer Onlus ha attivato anche iniziative di sostegno a distanza in collaborazione con

  • l’Associazione Governativa Bielorussa “Albero della Vita” per quei bambini bisognosi che, non potendo rientrare nei progetti di accoglienza in Italia, perché in molti casi diversamente abili, hanno così la possibilità di essere aiutati e seguiti nella famiglia di origine (o in casa famiglia);
  • il Rotary Club Cassia Distretto 2080 per il sostegno a distanza di 120 bambini di una casa famiglia in Ecuador;
  • il Rotary Club Cassia Distretto 2080 per l’aiuto ai bambini del Centro Maitri, in India.

La nostra finalità è donare un sorriso, una speranza e il calore di un vero amore a questi bimbi sfortunati.

 

http://puer.it/?page_id=872

Conclusa con successo questa prima collaborazione con il Rotary Club, è con grande soddisfazione che pubblichiamo la lettera di ringraziamento del Vescovo Mons. Garcia, con annessa traduzione…

Gracias Sra.Valeria por su comunicado de la 2ª trasferencia para el proyecto de la huerta.

Ayer por la tarde estuve visitando el Proyecto Encuentro y hablando con las hermnas acerca de La Huerta que ya estan empezando a contratar los trabajos para la realización del Proyecto.Tambien estaban llegando las maquinas para los talleres que ha financiado el Dr………, asi que todo está llegando gracias a Dios que como Padre providente nos sigue cuidando con almas solidarias y generosas como ustedes .Dios les bendiga y acompañe, oramos a Dios por todos nuestro bienhechores, saludos a todos los Rotary de su distrito y a Puer.

Grazie, Sig.ra Valeria, per la sua comunicazione circa l’avvenuto secondo trasferimento per l’orto. Ieri pomeriggio sono andato a visitare il Proyecto Encuentro e ho parlato con le Sorelle dell’orto: stanno già cominciando a dar corso agli acquisti per la realizzazione del Progetto Orto. Stanno anche arrivando i macchinari per i laboratori finanziati dal Dr…….Tutto, quindi, sta arrivando, grazie a Dio che come Padre previdente ci continua ad aiutare tramite anime solidali e generose come le vostre. Dio vi benedica e vi accompagni, preghiamo Iddio per tutti i nostri benefattori. Saluti a tutti i Rotary Clubs del suo Distretto ed a Puer.

ED ANCHE UNO STRALCIO DELLA LETTERA CHE IL DR. GIUA, RESPONSABILE ROTARY DEL PROGETTO SHADOW CHILDREN, HA INVIATO AL GOVERNATORE E A TUTTI I MEMBRI DELLA COMMISSIONE DISTRETTUALE ROTARY

Per il sostegno alimentare individuale dei bambini di Encuentro, curato operativamente dal nostro eccellente partner PUER, abbiamo raccolto da sponsor privati 5.000 euro (pari al sostentamento per un anno di venti bambini). Tutto questo da Natale ad oggi. Sappiamo che é un corso una bella corrispondenza tra i piccoli ecuadoriani e gli sponsor italiani e alcuni ci hanno scritto complimentandosi per la trasparenza della gestione in un campo dove gli abusi e le “scorrettezze” sono all’ordine del giorno.

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Documenti, Documenti vari, Eventi, Partners, Rassegna Stampa, Rassegna Stampa Ecuador, Rassegna Stampa Varia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.