Messagio del Ministro Carfagna

MESSAGGIO DEL MINISTRO CARFAGNA AL FORUM SUI ‘BAMBINI NELL’OMBRA’

‘Bambini nell’ombra’ è un forte richiamo a tutti i governi a porre immediatamente fine alla drammatica realtà che coinvolge i bambini di ogni angolo del mondo. Non posso che sentirmi frustrata di fronte ai 470 milioni di innocenti investiti da un destino avverso che li condanna ad una vita piena solo di difficoltà e violenze. La portata impressionante del fenomeno i fa talmente arrabbiare e non posso pensare che nel 2009 non si possa ribaltare una vergogna per l’umanità intera.

I bambini siamo noi stessi, il nostro futuro, e solo una società miope volge lo sguardo nella direzione opposta e non vede il danno che sta creando alle generazioni future. Il lavoro svolto da tutte le associazioni che operano per migliorare le condizioni di vita è importantissimo per portare sollievo ad una parte dei bimbi coinvolti, ma sono fermamente convinta che si possa intervenire solo attraverso una cooperazione internazionale. I summit del G8, I Consigli europei, i consessi politici internazionali, al di là delle problematiche politiche, economiche devono necessariamente inserire in agenda il monitoraggio del fenomeno dei ‘bambini di strada’ per trovare soluzioni condivise.

Il merito della globalizzazione è stato proprio quello di accorciare le distanze tra i Paesi e permettere una maggiore comunicazione tra luoghi lontani del pianeta. Non facciamoci sfuggire questa occasione, confrontiamoci sugli argomenti sociali che ci coinvolgono per sostenere una parte di mondo penalizzata per luogo di nascita, per stato sociale, per mancanza di assistenza, perché privo del minimo indispensabile per la sopravvivenza.

E’ una ferita aperta che sanguina e inonda il mondo intero. L’intervento sinergico degli Stati non può essere procrastinabile, abbiamo il dovere di tutelare tutti i bambini, come responsabili istituzionali, come educatori e come genitori. In Italia molto si sta facendo per la nostra infanzia per restituire ai bambini quel sorriso spontaneo tolto, spesso, da adulti che hanno il dovere e l’obbligo di accudirli. Abbiamo recepito un’importantissima direttiva europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale, la Convenzione di Lanzarote, che modifica alcune parti del codice penale e di procedura penale, prevedendo un inasprimento delle pene per chi si macchia di un reato così aberrante, che viola l’innocenza dei nostri bambini.

Nella legge approvata recentemente sulla violenza sessuale sono previste le circostanze aggravanti se l’abuso avviene ai danni di minori di 16 anni e un ulteriore aggravio per i minori di 10.

L’importante è agire, nell’immediato, non rimanere inerti e non posso che ringraziare la Comunità di Sant’Egidio, il Rotary Club e le associazioni per l’impegno quotidianamente profuso nel riconsegnare il maggior numero di bambini possibile alla vita.

Mara Carfagna

Scarica il messaggio in PDF

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Rassegna Stampa Varia. Contrassegna il permalink.